rubirosa-materialien

Pelle

Materiali.

Per produrre le sue scarpe e borse, RUBIROSA utilizza esclusivamente pelle europea, che viene parzialmente conciata al vegetale in Italia e Germania.

La provenienza

La pelle è un prodotto affascinante, che ha accompagnato, protetto e tenuto al caldo l’umanità sin dal principio. Nonostante la pelle sia spessa e quasi impermeabile, è traspirante. Ciò significa che consente il passaggio di umidità e aria a sufficienza e assorbe i grassi come la pelle dell’uomo.

Tuttavia, poiché la pelle è deperibile, l’uomo ha da subito iniziato a sviluppare metodi per stabilizzare la pelle grezza degli animali e renderla dunque più resistente. Questo processo è noto come conciatura. I tipi di pelle utilizzati da RUBIROSA sono conciati al vegetale o al cromo.

Ognuno di questi metodi di conciatura conferisce specifiche caratteristiche alla pelle, importanti per la sua applicazione successiva. La conciatura al cromo crea una pelle morbida, leggera e flessibile, e viene quindi utilizzata per la pelle degli strati superiori. La conciatura al vegetale viene invece utilizzata per gli strati interni: essendo interamente a base vegetale, ed essendoci possibilità di contatto diretto successivo tra la pelle degli strati interni e quella dell’uomo, grazie a questo processo di conciatura si escludono reazioni allergiche.

RUBIROSA utilizza le pelli seguenti:

Pelle nappa, vitello (scarpe)

La nappa è una pelle liscia ed elastica, che deriva dallo strato superiore della pelle (lato fiore). La nappa di vitello normalmente appare resistente al tatto ed è molto duratura. Può essere riconosciuta dai piccoli pori dei peli che interrompono la superficie relativamente liscia. Un vitello ha lo stesso numero di peli e pori di una mucca adulta, ma con la differenza che questi sono distribuiti su una superficie più piccola. Ciò conferisce alla pelle di vitello un aspetto più uniforme: risulta più liscia e sottile e, rispetto alla pelle di mucca, ha la stessa resistenza allo strappo, se non addirittura maggiore.

Pelle velour, vitello (scarpe)

Nella pelle velour, il lato carne viene affinato, dato che la pelle ha una superficie vellutata e leggermente spessa. Le fibre sono meno dense e non sono precisamente intrecciate come nella pelle liscia, rendendo la pelle velour meno rigida e robusta nel suo stato naturale. Tuttavia, sviluppa una notevole resistenza allo strappo durante il processo di conciatura.

Pelle di cavallino BLATTWERK (scarpe e borse)

La pelle di cavallo è molto rara oggigiorno e la domanda supera ampiamente l’offerta. Questa pelle è particolarmente resistente. È ricca di grassi, e quindi idrorepellente.

La pelle di cavallo utilizzata da RUBIROSA deriva da animali provenienti dalla Svizzera e dal sud della Germania, e viene prodotta utilizzando un processo di conciatura particolarmente delicato alle foglie di olivo, grazie al quale è stato completamente abbandonato l’utilizzo di acido solforico e sale. L’agente conciante, l’oleuropeina, è così puro che si trova anche nell’olio extravergine di oliva. Tutte le sostanze residue accidentali sono riciclabili al 100%, o possono essere ulteriormente utilizzate. Le acque di scarico derivanti dalla conciatura vengono ripulite in un impianto di trattamento prettamente ecologico.

Per la rifinitura di questa pelle non si utilizzano i normali smalti. Per favorire le caratteristiche naturali della pelle BLATTWERK, si evita completamente persino l’utilizzo di tinture. Dopo la colorazione, si utilizza vera cera d’api per proteggere la pelle BLATTWERK dai fattori ambientali.

Pelle di mucca conciata al vegetale (borse)

La pelle di mucca appare di norma resistente al tatto ed è molto robusta e quindi estremamente versatile. Si può riconoscere dai piccoli pori dei peli che interrompono la superficie relativamente liscia. La conciatura al vegetale è un metodo naturale per trattare le pelli degli animali interamente a base vegetale. Le pelli grezze degli animali vengono conciate in questo modo per essere stabilizzate e consentire alla pelle ottenuta di subire ulteriori trattamenti. Il processo di conciatura vero e proprio dura diversi mesi. I fattori cruciali della pelle conciata al vegetale sono la resistenza, le opzioni di trattamento uniche e versatili e gli aspetti legati alla qualità.